Dati della rete di monitoraggio acque sotterranee

Le reti di monitoraggio dei corpi idrici sotterranei

Alta valle del Tevere Media valle del Tevere e massicci perugini Conca eugubina e monti di Gubbio Valle umbra - Petrignano Valle umbra - Foligno Valle umbra - Assisi, Spello e monte Subasio Valle umbra - Spoleto Media valle del Tevere sud Conca ternana Orvietano Calcari Acquiferi locali Acquiferi locali

Nel 1998, nell'ambito del Progetto Interregionale PRISMAS, è stata istituita la rete di monitoraggio in discreto dei principali corpi idrici sotterranei alluvionali e carbonatici della regione. Su tale rete, nel periodo 1998-1999 sono state effettuate campagne di monitoraggio qualitativo e quantitativo a cadenza trimestrale. Con l'emanazione del D.lgs 152/99 e sulla base delle indicazioni emerse dal Documento di Aggiornamento del Piano Regionale di Risanamento delle Acque, la rete è stata ottimizzata e adottata come rete regionale di monitoraggio dei corpi idrici sotterranei significativi ai fini della definizione degli obiettivi di qualità ambientale.

All'inizio del 2003 è stato condotto uno studio idrogeologico e idrochimico preliminare dell'acquifero vulcanico orvietano. Lo studio è stato effettuato su una rete di 38 punti dalla quale sono stati selezionati i punti di monitoraggio significativi che sono entrati a far parte della rete regionale. A partire dalla primavera 2003, è stato attivato il monitoraggio quali-quantitativo ai sensi del D.lgs 152/1999 anche su questo corpo idrico.

Nel 2010 è stato attivato uno studio finalizzato all'adeguamento delle reti di monitoraggio alla normativa di nuova emanazione, il D.lgs 30/2009, con la duplice finalità di individuare reti per il monitoraggio dei corpi idrici "minori" non monitorati ai sensi della precedente normativa, e di ottimizzare la rete dei corpi idrici già oggetto di monitoraggio.

Nel 2001, inoltre, sono state istituite due reti di monitoraggio quantitativo in continuo dei corpi idrici sotterranei. La prima, che riguarda le principali emergenze puntuali delle strutture carbonatiche e del vulcanico, è costituita di stazioni per la misura in continuo delle portate; la seconda, interessante prevalentemente gli acquiferi alluvionali, è costituita di stazioni per la misura in continuo del livello piezometrico su pozzi e piezometri.

In tabella viene presentato il quadro sintetico delle reti di monitoraggio in discreto e in continuo per corpo idrico e per complesso idrogeologico.

Cliccando sull'ultima colonna (Mappa) è possibile visualizzare le carte di dettaglio con l'ubicazione delle stazioni di monitoraggio dei corpi idrici di interesse.

Complesso idrogeologico

CODICE
corpo idrico

Corpo idrico D.lgs 30/2009

Stazioni di monitoraggio chimico e quantitativo in discreto

Stazioni di monitoraggio quantitativo in continuo

Mappa

Totali

Attive anno 2011

Totali

Attive anno 2011

AV

AV0401

Alta Valle del Tevere - Settore centrale

10

6

3

3


Alta Valle del Tevere

AV0402

Alta Valle del Tevere - Settore orientale e meridionale

6

4

2

2

AV0501

Media Valle del Tevere Nord e Valle del Tevere Città di Castello - Umbertide

9

5

-

-


Media Valle Tevere Nord e Massicci Perugini

DQ0201

Conca Eugubina

16

11

2

2


Conca Eugubina_e Monti di Gubbio

DQ

DQ0401

Valle Umbra - Petrignano

18

14

3

3


Valle Umbra - Petrignano

DQ0402

Valle Umbra - Assisi Spello

15

8

-

-


Valle Umbra - Assisi Spello e Monte Subasio

DQ0403

Valle Umbra - Foligno

26

19

2

2


Valle Umbra - Foligno

DQ0404

Valle Umbra - Spoleto

18

12

5

4


Valle Umbra - Spoleto

DQ0405

Valle Umbra confinato Cannara

10

7

4

4


Valle Umbra confinato Cannara

DQ0501

Media Valle del Tevere Sud

28

15

3

3


Media Valle Tevere Sud

DQ0601

Conca Ternana - Area valliva

23

13

4

4


Conca Ternana

DQ0602

Conca Ternana - Fascia pedemontana dei Monti Martani

7

6

2

2

LOC

LOC100

Depositi Riva Destra dell'Alta Valle Del Tevere, Depositi Riva Sinistra dell'Alta Valle del Tevere, Depositi Riva Sin della Media Valle del Tevere

7

7

-

-


LOC_Acquiferi locali

LOC200

Depositi di Gualdo Tadino, Depositi di Gubbio, Dorsale dell'Umbria Nord Orientale, Dorsale di Gubbio, Dorsale di Pietralunga, Dorsale di Valfabbrica

14

14

-

-

LOC300

Dorsale dei Monti Del Trasimeno, Dorsale di Monte Santa Maria Tiberina, Dorsale di Paciano, Dorsale di Perugia e Torbiditi Valle del Nestore

9

9

-

-

LOC400

Bacino Trasimeno e Depositi di Citta' Della Pieve

6

6

-

-

LOC500

Dorsale Esterna Monte Peglia e Dorsale Interna Monte Peglia

6

6

-

-

LOC600

Dorsale di Bettona e Dorsale di Castel Ritaldi

3

3

-

-

LOC700

Depositi di Montefalco e Depositi di Spoleto

4

4

-

-

LOC800

Unita' Liguridi e Depositi dell'Umbria Sud-Occidentale

2

2

-

-

LOC900

Depositi di Todi-Sangemini, Depositi Riva Destra della Media Valle del Tevere e Travertini di Massa Martana

5

5

-

-

LOC1000

Depositi Detritici dell'Umbria Sud-Occidentale

4

4

-

-

LOC1100

Depositi di Terni e Torbiditi e Dep Continentali dell'Umbria Meridionale

3

3

-

-

VU

VU0101

Orvietano

13

12

2

2


Orvietano

CA

CA0100

Monte Cucco

1

1

2

2


CA Calcari

CA0200

Monte Maggio

2

2

5

5

CA0300

Colfiorito, Monte Cavallo, Monte S.Salvatore - Monte Maggiore, Monte Pennino

4

4

2

2

CA0400

Monte Aguzzo - Monte Matigge, Monte Faeto, Monte S.Stefano - Monte Brunette, Monte Siliolo - Monte Carpegna - Monte Galemme

4

4

5

5

CA0600

Monte Aspra - Monte Coscerno

3

3

4

3

CA0700

Monte Solenne - Ferentillo

1

1

1

-

CA0800

Monti Martani e Monti di Spoleto

-

-

1

1

CA1000

Monti di Gubbio

2

2

1

1

CA1100

Massicci Perugini - Dorsale Monte Tezio

2

1

2

2

CA1200

Monte Subasio

-

-

2

2

CA1300

Monti di Narni-Amelia

3

2

3

3

Nella Tabella Stazioni di monitoraggio (scaricabile in formato excel) è riportato l'elenco di tutte le stazioni di monitoraggio corredato da informazioni geografiche e relative al periodo di funzionamento

 Stazioni di monitoraggio



I dati di monitoraggio

 

2005-2013
 
2005-2013
 
2005-2013
 
 
 2005-2013 
 
 Dati piezometrici 
 1998-2013