Qualità delle acque di balneazione

Con il termine "acque di balneazione" vengono indicate le acque dolci superficiali, correnti o di lago e le acque marine nelle quali la balneazione è espressamente autorizzata o non vietata.

Le acque di balneazione rappresentano una risorsa strategica dal punto di vista ambientale ed economico e la loro salvaguardia costituisce da sempre una tematica di grande interesse a livello europeo e nazionale. Negli ultimi anni, il quadro normativo di riferimento ha subito una graduale evoluzione con l’introduzione, accanto alla tradizionale rilevazione dei fattori di contaminazione microbiologica, anche di aspetti relativi alla tutela ambientale, quali la gestione del rischio derivante dalle attività antropiche, la definizione degli obiettivi di qualità e l’individuazione di opportune misure di risanamento.

A scala nazionale, tali principi trovano attuazione nel D.lgs 116/08 e nel Decreto attuativo 30 marzo 2010, che recepiscono integralmente i contenuti della Direttiva Europea 2006/7/CE, introducendo profonde modifiche nelle modalità di monitoraggio (parametri di campionamento e frequenza dei controlli), nonché nella metodologia di valutazione e classificazione delle acque di balneazione. Il D.Lgs 116/08 prevede, inoltre, un'analisi d'area integrata (profili di balneazione) per la caratterizzazione delle acque ad uso balneare e l’individuazione dei potenziali fattori di rischio.

A livello regionale, Arpa Umbria ha dato avvio, a partire dall’anno 2010 e su incarico della Regione, alle attività di monitoraggio e valutazione delle acque di balneazione designate nel territorio umbro secondo i criteri dettati dalla nuova norma.



La rete e i programmi di monitoraggio


La rete e i programmi di monitoraggio

 

Obiettivo del monitoraggio è quello di valutare la qualità igienico-sanitaria delle acque di balneazione al fine di garantirne l'uso per scopi ricreativi sulla base dei requisiti normativi di conformità. La rete di monitoraggio regionale è costituita complessivamente da 21 stazioni, rappresentative di altrettante acque di balneazione già designate ai sensi del DPR 470/82 e così distribuite: 15 stazioni sono localizzate sul lago Trasimeno, 5 sul lago di Piediluco ed una sul lago Chico Mendes, laghetto artificiale della Conca Ternana

 

Lago

Acqua di balneazione

Comune

Lunghezza linea di costa (Km)

Codice regionale stazione

Lago Trasimeno

Lido Dinette

C. del Lago

1,1

TRS1

Lido comunale C. del Lago

C. del Lago

2,7

TRS2

Lido Rigutini

C. del Lago

2,3

TRS4

Isola Maggiore Pontile vecchio

T. sul Trasimeno

1,5

TRS13

Isola Maggiore San Francesco

T. sul Trasimeno

1,5

TRS14

Isola Polvese Nuova

C. del Lago

1

TRS15

Isola Polvese Vecchia

C. del Lago

2,9

TRS16

Lido Santino

Magione

1,6

TRS18

Albaia

Magione

1,1

TRS19

Camping Europa

Passignano sul T.

1,6

TRS20

Camping Kursaal

Passignano sul T.

2,1

TRS21

La Darsena

Passignano sul T.

1,6

TRS22

Lido Arezzo

C. del Lago

2,7

TRS25

Caloni

Magione

2,5

TRS27

Lido comunale Tuoro

T. sul Trasimeno

3,5

TRS34

Lago di Piediluco

Ara Marina

Terni

1,1

PIE1

Comunanza

Terni

0,6

PIE4

Eco

Terni

0,4

PIE5

Piediluco centro urbano

Terni

0,9

PIE6

Sirenetta

Terni

0,3

PIE7

Lago Chico Mendes

Chico Mendes

Terni

1,6

CIC2

 

 

Il programma di monitoraggio prevede che, nel corso della stagione balneare (periodo 1 maggio-30 settembre), venga effettuata, in ciascun area, la rilevazione mensile dei parametri Escherichia coli ed Enterococchi intestinali, individuati come significativi ai fini della determinazione dei fenomeni di contaminazione microbiologica delle acque. Per ogni campione viene valutata la conformità ai valori limite definiti dal D.M. 30 marzo 2010: il superamento di tali limiti determina il divieto temporaneo di balneazione e l'obbligo di effettuare ulteriori campionamenti, fino al riscontro di un esito di analisi favorevole che consenta la riapertura del sito.

 

Parametri

Valori limite

Enterococchi intestinali 500 n*/100 ml
Escherichia coli 1000 n*/100 ml

*n = UFC per EN ISO 9308-1 (E. coli) e EN ISO 7899-2 (Enterococchi) o MPN per EN ISO 9308-3 (E. coli) e EN ISO 7899-1 (Enterococchi)

Contestualmente alle analisi microbiologiche viene effettuata sia la rilevazione di alcuni parametri ambientali (temperatura dell'aria e dell’acqua, intensità e direzione del vento, moto ondoso, condizioni meteorologiche) sia un’ispezione visiva per individuare l’eventuale presenza di residui bituminosi e rifiuti in genere.

Nel corso della stagione balneare i risultati del monitoraggio vengono pubblicati nel sito Web dell’Agenzia e nel Portale del Sistema Informativo Sanitario specificatamente realizzato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (http://www.nsis.salute.gov.it/).

Ai fini della gestione del rischio di inquinamento di breve durata derivante da attività antropiche (scarichi o altre fonti di inquinamento puntuale), la rete di monitoraggio dei laghi Trasimeno e Piediluco è stata integrata con ulteriori punti di prelievo che vengono attivati, contestualmente a quelli della rete ordinaria, nel caso si verifichino situazioni che potrebbero avere un impatto negativo sulla qualità delle acque o sulla salute dei bagnanti.

Infine, in considerazione delle caratteristiche ecologiche particolari del Lago Trasimeno e conformemente a quanto previsto dal DM 30 marzo 2010, nelle acque di balneazione individuate in questo specchio lacustre viene attuato annualmente uno specifico programma di sorveglianza algale, finalizzato al controllo dei fenomeni di proliferazione di specie potenzialmente produttrici di tossine e alla ricerca delle eventuali tossine prodotte.

Nel corso del 2014 è stato approvata la revisione del Piano Operativo di controllo delle acque di balneazione regionali (DD 2618 del 01/04/2014).

 

 Anagrafica stazioni acque di balneazione 

 Programma di monitoraggio aree di balneazione 2016
DD n. 2475_31.03.2016

 



I profili di balneazione


I profili di balneazione

 

Ai fini di una completa valutazione delle caratteristiche delle acque di balneazione e dei rischi di inquinamento derivanti da attività antropiche, le Regioni devono istituire ed aggiornare i “profili di balneazione”, secondo i criteri descritti nell'Allegato 3 del D.lgs 116/08 e nell'Allegato E del DM 30 marzo 2010. I profili devono contenere:

  • la descrizione delle caratteristiche fisiche, geografiche e idrologiche delle acque di balneazione e di altre acque superficiali nel bacino drenante delle acque di balneazione interessate, che potrebbero essere una fonte di inquinamento;
  • l'identificazione e la valutazione delle cause di inquinamento che possono influire sulle acque di balneazione e danneggiare la salute dei bagnanti;
  • la valutazione del potenziale di proliferazione cianobatterica;
  • la valutazione del potenziale di proliferazione di macroalghe e/o fitoplancton;
  • in presenza di rischio di inquinamento:
    • previsioni circa la natura, la frequenza e la durata dell'inquinamento di breve durata;
    • informazioni dettagliate sulle restanti cause di inquinamento, incluse le misure di gestione adottate e le scadenze fissate per l'eliminazione di dette cause;
    • le misure di gestione adottate durante l'inquinamento di breve durata e l'identità e le coordinate degli organismi responsabili della loro adozione;
  • l'ubicazione del punto di monitoraggio.

Arpa Umbria ha predisposto una prima elaborazione dei profili delle acque di balneazione regionali (approvata con DGR n. 383 del 27/04/2011 della Direzione Regionale Salute, Coesione sociale e Società della conoscenza) che potrà essere oggetto di successivi aggiornamenti, a seguito di verifiche nel tempo della situazione ambientale nelle zone interessate.

 

 

Lago

Acque di balneazione

Comune

Profilo

Lago Trasimeno Lido Dinette Castiglione del Lago
Lido comunale C.del Lago Castiglione del Lago
Lido Rigutini Castiglione del Lago
Isola Maggiore Pontile vecchio Tuoro sul Trasimeno
Isola Maggiore San Francesco Tuoro sul Trasimeno
Isola Polvese Nuova Castiglione del Lago
Isola Polvese Vecchia Castiglione del Lago
Lido Santino Magione
Albaia Magione
Camping Europa Passignano sul Trasimeno
Kursaal Passignano sul Trasimeno
La Darsena Passignano sul Trasimeno
Lido Arezzo Castiglione del Lago
Caloni Magione
Lido comunale Tuoro Tuoro sul Trasimeno
Lago di Piediluco Ara Marina Terni
Comunanza Terni
Eco Terni
Piediluco centro urbano Terni
Sirenetta Terni
Lago Chico Mendes Chico Mendes Terni

 



La classificazione delle acque di balneazione


La classificazione delle acque di balneazione

 

In linea con i principi delle politiche ambientali europee, i risultati delle analisi microbiologiche devono essere utilizzati allo scopo di valutare non soltanto l’idoneità all’uso ricreativo delle acque, ma anche il conseguimento di specifici obiettivi di tutela ambientale. A ciascuna acqua di balneazione, viene quindi associato un giudizio di qualità articolato in quattro classi:

  • scarsa
  • sufficiente
  • buona
  • eccellente

 

Parametri

Classi di Qualità

(ufc/100 ml)

Eccellente

Buona

Sufficiente

Scarsa

Enterococchi Intestinali 200 (*) 400 (*) 330 (**) >330 (**)
Escherichia coli 500 (*) 1000 (*) 900 (**) >900 (**)

(*) sulla base del 95° percentile; (**) sulla base del 90° percentile.

La classificazione deve essere effettuata:

  • in relazione a ciascuna acqua di balneazione;
  • al termine di ciascuna stagione balneare;
  • sulla base dell’analisi statistica delle serie di dati relativi alla stagione balneare in questione e alle tre stagioni balneari precedenti;
  • secondo la procedura di cui all'Allegato 2 del D.lgs 116/08.

Dall’analisi dei risultati del monitoraggio svolto nel corso della stagione balneare 2016, si evidenzia che tutte le acque di balneazione regionali sono risultate sempre conformi all’uso balneare, non avendo mai presentato alcuna criticità associata a fenomeni di contaminazione microbiologica. La classificazione elaborata assegna a tutte le aree di balneazione qualità “eccellente”, confermando sostanzialmente il trend degli ultimi anni.

 

Lago

Area di balneazione

Codice stazione

Qualità 2014

(dati 2011-2014)

Qualità 2015

(dati 2012-2015)

Qualità 2016

(dati 2013-2016)

Trasimeno

Lido Dinette

TRS1

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Lido comunale C. del Lago

TRS2

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Lido Rigutini

TRS4

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Isola Maggiore Pontile vecchio

TRS13

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Isola Maggiore San Francesco

TRS14

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Isola Polvese Nuova

TRS15

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Isola Polvese Vecchia

TRS16

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Lido Santino

TRS18

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Albaia

TRS19

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Camping Europa

TRS20

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Camping Kursaal

TRS21

Eccellente

Eccellente

Eccellente

La Darsena

TRS22

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Lido Arezzo

TRS25

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Caloni

TRS27

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Lido comunale Tuoro

TRS34

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Piediluco

Ara Marina

PIE1

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Comunanza

PIE4

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Eco

PIE5

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Piediluco centro urbano

PIE6

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Sirenetta

PIE7

Eccellente

Eccellente

Eccellente

Chico Mendes

Chico Mendes

CIC2

Eccellente

Eccellente

Eccellente

 

Relativamente alla sorveglianza algale del lago Trasimeno, le analisi effettuate, pur confermando la presenza di specie potenzialmente produttrici di tossine, non hanno mai evidenziato fenomeni di tossicità nelle acque.

 

 Qualità acque balneazione stagione balneare 2016

 Qualità acque balneazione stagione balneare 2015

 Qualità acque balneazione stagione balneare 2014 

 Qualità acque balneazione stagione balneare 2013 

 Qualità acque balneazione stagione balneare 2012

documento Acrobat Qualità acque balneazione stagione balneare 2011
documento Acrobat Qualità acque balneazione stagione balneare 2010