Rischio Tecnologico

L'attività di Arpa

In tema di Rischio Tecnologico, Arpa Umbria si occupa di:

  • monitoraggio del rischio industriale attraverso analisi, valutazioni tecniche e controlli dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose;
  • comunicazione del rischio di incidente rilevante;
  • supporto tecnico-scientifico agli organi preposti alla valutazione e alla prevenzione dei rischi di incidenti rilevanti;
  • supporto tecnico-scientifico agli enti preposti alla pianificazione dell’emergenza;
  • supporto tecnico-scientifico ai Comuni per l’elaborazione degli elaborati RIR (inerenti i requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante) di cui al DM 09/05/2001.

Riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi in materia di rischio tecnologico sono:

Norme per aziende soggette a rischio di incidente rilevante:

  • D.lgs17 agosto 1999. n. 334 – "Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose";
  • D.lgs21 settembre 2005 n. 238 – "Attuazione della direttiva 2003/105/CE, che modifica la direttiva 96/82/CE, sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose";
  • Decreto Ministero dei Lavori Pubblici 9 maggio 2001 – (G.U. n. 138 del 16 giugno 2001 – S.O. n. 151) – Requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione urbanistica e territoriale per le zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante.
  • Decreto Ministeriale 9 agosto 2000 – “Linee guida per l'attuazione del sistema di gestione della sicurezza (G.U. 22 agosto 2000, n. 195)”;

documento Acrobat Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio 2005 – “Linee Guida per la predisposizione del piano d'emergenza esterna agli stabilimenti a rischio di incidente rilevante”;

  • Decreto Ministero dell’Ambiente 24 luglio 2009, n. 139 – “Regolamento recante la disciplina delle forme di consultazione della popolazione sui piani di emergenza esterni, ai sensi dell'articolo 20, comma 6, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334. (GU n. 226 del 29-9-2009);
  • Nuova direttiva Europea Seveso 3 (2012/18/UE del 4 luglio 2012) entrata in vigore dal 13 agosto 2012 che dovrà essere recepita a livello nazionale entro il 1 giugno 2015.

documento Acrobat D.lgs17 agosto 1999. n. 334 e s.m.i.
Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose";

documento Acrobat Nuova Direttiva Europea Seveso 3 - Direttiva 2012/18/UE del 4 luglio 2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio 
Relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose, recante modifica e successiva abrogazione della direttiva 96/82/CE del Consiglio.